giovedì 20 agosto 2015

Prima o poi doveva succedere...

Cari ragazzi,

da quest'anno non sarò più il vostro insegnante di matematica.

In questa stagione di grandi riforme delle scuola è arrivato il mio turno di essere chiamato per una cattedra e ho scelto di accettare.

E' stato davvero difficile decidere di lasciare le Dimesse e passare alla scuola statale e non sto qui a spiegarvi le mille ragioni - pro e contro - che ho soppesato.

Mi dispiace per la nostra meravigliosa scuola, per la preside più brava del mondo, per i fantastici colleghi, ma soprattutto mi dispiace lasciare voi, ciascuno di voi.

Qualcuno di voi si rallegrerà della mia partenza: è normale, non si può piacere a tutti, ma mi rammarico di non aver saputo trovare un canale di comunicazione anche con loro.

Per altri sarà indifferente, altri ancora si dispiaceranno, come sono dispiaciuto io.

In questi 9 anni alle Dimesse ho sempre cercato di dare il massimo, ma ancora di più ho ricevuto, imparando - vi sembrerà strano - tanta bella matematica e molte altre cose anche più importanti. E per questo ringrazio anche quelli che mi hanno criticato: i complimenti fanno bene e aiutano ad andare avanti, ma dalle critiche si impara di più.

Andrò ad insegnare all'Istituto Tecnico Industriale "Solari" di Tolmezzo, dovrò studiare e rinnovarmi tanto, ma non inizio da zero, perché porterò nel cuore voi e tutto ciò che con voi ho imparato.


Un abbraccio dal vostro (ormai ex-)prof-di-mate


p.s. Di sicuro verrò a trovarvi e, se in nuovi prof vorranno, forse darò una mano per le gare.

p.p.s. E questo blog? immagino che continuerà ad esistere, ma ovviamente cambierà, in qualche modo.

p.p.p.s. Chi vuole rimanere in contatto con me può cercarmi su Facebook oppure scrivermi via email.

domenica 26 luglio 2015

Odio la matematica!

Non io, sia ben chiaro!
E' il titolo di uno spassoso libretto che racconta le avventure di Leonardo, tra problemi di matematica cui dà risposte improbabili, una mamma un po'... in crisi, gli allenamenti di basket, un gatto e un canarino che non vanno molto d'accordo...

Abbiamo letto questo libro l'anno passato nelle classi prime e tutti si sono molto divertiti, qualcuno anche risolvendo i problemi proposti (che poi hanno la soluzione in fondo al volume).

Ho appena aggiunto questo libro nella mia pagina dei libri consigliati.
Buona lettura!

mercoledì 15 luglio 2015

Tutti pazzi per Hex

Il gioco dell'anno alle Dimesse è sicuramente stato Hex. In autunno le classi seconde, presso la Ludoteca Comunale hanno dato vita ad un appassionante torneo, vinto da Filippo di 2^B. Ne avevo parlato anche in occasione della scomparsa di John Nash.

Alla fine dell'anno scolastico è stata la volta delle classi prime che hanno imparato a giocare competendo in due avvincenti tornei per classi, vinti rispettivamente da Alessio Brusini (1^A) e Maristella Moratti (1^B). Alla fine lo scontro tra i due ha visto la vittoria di Alessio con un equilibratissimo 4-3.

Ma come funziona questo gioco? su una griglia a forma di rombo a maglie esagonali
i due giocatori - ponendo a turno le proprie pedine in una casella a propria scelta - devono cercare di collegare i lati del proprio colore: il giocatore con le pedine rosse cercherà di collegare i due lati rossi con una fila continua di pedine rosse e viceversa.
Ecco un esempio di partita in cui vince il rosso:
video

Le dimensioni del tabellone non sono fondamentali: il tabellone standard è 11x11, ma per cominciare va bene un tabellone 7x7.
Ma come fare per procurarsi questo gioco? che io sappia non ne esiste una edizione in commercio (se qualcuno ha informazioni diverse me lo faccia sapere). Kangourou Italia ne ha prodotto una versione molto bella che distribuisce come premio per le sue gare, ma non mi risulta che sia possibile acquistarla.

Naturalmente non è difficile disegnare da sé il tabellone e usare come pedine qualsiasi oggetto di cui si abbiano abbastanza esemplari in due colori diversi (monete da un centesimo, carroarmati del Risiko, mattoncini di lego...).

Cliccando qui potete scaricare in pdf il tabellone 7x7 preparato apposta per le Dimesse (e per questo etichettato DimHex) dal mio collega Dario Marchiol.
Infine ho scovato un bel programmino per giocare contro il computer. Lo si trova qui (ed è anche spiegato meglio che in questo breve post). E' facile da installare, è completamente gratuito e dopo 20 partite bisogna registrarsi, ma funziona molto bene. Io al livello 1 faccio fatica a vincere...

Buon divertimento a tutti!!


giovedì 11 giugno 2015

E' finita! E' finita!

E' finita! è finita! ... ma non per tutti :-(

Eh già quelli di terza hanno gli esami.  Ora durante l'anno, man mano che andavamo avanti con gli argomenti, abbiamo compilato in classe un indice del quaderno di teoria che era appeso in classe. Adesso questi indici sono stati trascritti al computer e costituiscono di fatto un programma d'esame molto dettagliato e un modo per controllare che nei quaderni di teoria ci sia tutto.

Indice del Quaderno di Teoria di 3^A
Indice del Quaderno di Teoria di 3^B

Aggiorno questo post dopo qualche giorno e sono finalmente in grado di pubblicare gli indici dei Quaderni di Teoria anche per le classe prime e seconde.

Indice del Quaderno di Teoria di 1^A
Indice del Quaderno di Teoria di 1^B

Questi indici sono quelli che abbiamo redatto insieme durante l'anno e appeso in classe. Ci ho fatto qualche aggiustamento.
Un grazie particolare ai ragazzi delle varie classi che hanno trascritto questi lunghi elenchi al computer.
Beh, riguardandoli bisogna dire che ne abbiamo imparate di cose, eh? Bravi!

Inoltre non posso fare a meno di ricordarvi i famigerati COMPITI DELLE VACANZE. Se per caso qualcuno ha perso il foglietto, ecco qui:


E vi ricordo: riposatevi e leggete tanti libri!!!

domenica 24 maggio 2015

Addio a John Nash

Se n'è andato John Nash, uno dei più importanti matematici della seconda metà del novecento.

La sua vita ha colpito l'immaginario collettivo perché dopo il primo brillantissimo periodo di ricerca matematica la sua vita si è chiusa nell'abisso della schizofrenia, da cui è uscito solo dopo molti anni grazie all'amore della moglie che era con lui prima è rimasta con lui durante e dopo la malattia, ed è morta con lui, ieri, in un incidente stradale.

Nel 1994 ha vinto il premio Nobel per... l'economia grazie a quello che, in teoria dei giochi, oggi si chiama Equilibrio di Nash.

Questa incredibile vicenda è diventata famosa presso il grande pubblico grazie al film A beautiful mind in cui Nash era interpretato da Russel Crowe.

Ci ho tenuto a ricordarlo qui perché è stato anche l'inventore di un bellissimo gioco: Hex. Gli alunni delle classi seconde hanno conosciuto questo gioco quando abbiamo fatto un avvincente torneo presso la ludoteca comunale.
Altri ne hanno una scatola vinta come premio per il secondo posto della gara Kangourou a squadre.

sabato 18 aprile 2015

Nicoletta superstar!


Circa un mese fa si sono svolte due gare di matematica individuali.

Il 16 marzo la gara Kangourou e il 20 marzo i Giochi Matematici Pristem-Bocconi. La prima è stata una bella festa della matematica nella nostra scuola, con 33 iscritti delle medie e ben 48 delle elementari. Alla seconda hanno partecipato solo 3 alunni scelti in base alla gara di ottobre.

KANGOUROU

Nella categoria Benjamin (prima e seconda) ha vinto Nicoletta De Rosa di seconda B (269esima a livello nazionale su 22094 partecipanti) davanti a Alessio Brusini di prima A e a Riccardo Zatti di prima B.
1 De Rosa Nicoletta 2aB 82,5
2 Brusini Alessio 1aA 73
3 Zatti Riccardo 1aB 68,25
4 Zanini Jacopo 2aB 66
5 Ballali Giacomo 2aA 65
6 Barone Simone 1aB 45,75
7 Dose Giulia 2aB 42,25
8 Franzo Davide 1aA 42
9 Marigliano Alessandro 2aA 41,25
10 Zanini Riccardo 2aB 41

Nella categoria Cadet (classi terze) ha vinto Federico Zilli, davanti ad Andrea Falletti e Giada Bernardis.
1 Zilli Federico 3aA 59
2 Falletti Andrea 3aB 51,75
3 Bernardis Giada 3aA 36,25
4 Trentin Edoardo 3aA 35
5 Bianco Sara 3aA 35

PRISTEM
Noi lo sapevamo già da un po', ma ora è arrivata la conferma ufficiale: Nicoletta De Rosa, di seconda B - di nuovo lei! - , si è qualificata per la finale nazionale dei Giochi Matematici organizzati dal centro Pristem dell'Università Bocconi di Milano!

A Milano, il 16 maggio, Nicoletta dovrà vedersela con altri 1707 studenti di prima e seconda media di tutta Italia.

Nella semifinale provinciale, presso il liceo Copernico, Nicoletta ha risolto tutti gli 8 quesiti e si è piazzata quinta (su 174 concorrenti della categoria C1) per il maggior tempo impiegato.

Alla gara hanno partecipato anche Riccardo Zatti, sempre per la categoria C1 e Federico Zilli C2 che si sono ben comportati, ma non abbastanza da comparire nelle prime posizioni.

Ah sì, poi ho partecipato anche io, per la categoria GP, con una prestazione abbastanza scadente che però può essere di insegnamento: dopo anni che non svolgevo una prova sotto stess ho commesso una tale quantità di errori di calcolo o altri errori stupidi... però mi sono divertito, come spero tutti quelli che hanno partecipato!

martedì 7 aprile 2015

Costruire una piramide retta

Oggi mi sono divertito a costruire una piramide retta, non regolare, in cui è evidenziato il triangolo rettangolo formato da altezza, apotema di base e apotema della piramide.


















Voglio qui spiegare come creare questo oggetto, dato che la sua realizzazione fa capire molto bene la definizione di piramide retta, una definizione che sembra inutilmente complicata. Ecco il materiale occorrente:

Innanzitutto bisogna disegnare lo sviluppo. Questo è il disegno che ho realizzato con geogebra.
Faccio notare che apotemi di base (gialli) e apotemi sono allineati (perché perpendicolari allo stesso segmento) e che scelta la lunghezza di un apotema gli altri devono essere uguali. Con queste indicazioni è abbastanza facile fare il disegno anche con riga e compasso.

Iniziamo. Incollare i disegni su cartoncino


e ritagliare, incidendo poi leggermente i lati del poligono per piegarli più facilmente. Il pezzo a forma di deltoide servirà per fare il triangolo rettangolo centrale.


Inserire una puntina - possibilmente senza rivestimento - esattamente al centro della base (dall'esterno).

Tagliare lo stecchino alla misura giusta (cioè un po' meno del lato rosso del deltoide) e inserirlo delicatamente sulla puntina. Il deltoide va inciso e poi piegato lungo la linea blu in modo da formare un triangolo rettangolo. Se necessario ritagliare leggermente il cateto rosso per poter attaccare lo stecchino con un pezzo di scotch.

Colorare i tre lati del triangolo rettangolo

e inserirlo sulla puntina (magari con un goccio di colla, ma facendo attenzione che si attacchi alla puntina e non alla base).

In questo modo il triangolo rettangolo centrale può ruotare e rendere visibile il fatto che, anche se il poligono ha lati diversi e le facce non sono triangoli uguali né isosceli, il triangolo altezza - apotema di base - apotema è sempre lo stesso. Infatti la circoscrivibilità della base fa sì che i segmenti gialli siano tutti uguali, e dato che l'altezza è unica, per il teorema di Pitagora le altezza della facce laterali sono tutte uguali e quindi possono avere un unico nome: apotema.

venerdì 27 febbraio 2015

Festa del pi greco!

Ci siamo quasi: non manca molto al 14 marzo, festa del pi greco e della matematica.

Come negli anni scorsi il comune di Udine e la ludoteca organizzano varie iniziative, non solo nella giornata di sabato 14, ma anche nei giorni precedenti.

Vi segnalo in particolare questi eventi:
Martedì 10 marzo
ore 16-18
Ludoteca comunale, via del Sale
Torneo di Mancala
partecipazione libera

Mercoledì 11 marzo
ore 16-18
Ludoteca comunale, via del Sale
Giochi d’ingegno: rompicapi, enigmi e passatempi della matematica ricreativa
partecipazione libera

Venerdì 13 marzo
ore 9.30-12
Ludoteca comunale, via del Sale
Gara a squadre di matematica
Per la scuola primaria
a cura di Mathesis sez. di Udine
necessaria iscrizione

Sabato 14 marzo
ore 18
Sala Ajace, Piazza Libertà
Attacco a Enigma: dal codice di Giulio Cesare alla moderna crittografia
conferenza del prof. Agostino Dovier, dell’Università degli Studi di Udine
in collaborazione con Mathesis sez. di Udine
partecipazione libera

mercoledì 21 gennaio 2015

Ci siamo andati proprio vicini...

Il secondo posto nella gara di dicembre non era bastato a farci accedere alla finale nazionale. C'è voluto uno spareggio con la seconda classificata della gara Cime in Matematica, la fortissima squadra di Tolmezzo, anche loro finalisti più volte ultimi anni.

Oggi alle 14.30, noi a scuola nostra e loro a scuola loro, collegati tramite il mitico sito di Sandro Campigotto, si è svolta la gara. I nostri magnifici sette - Elisa (capitano), Andrea, Federico, Noemi, Sofia, Alessio e Simone, cioè un misto delle due squadre della gara di dicembre - ce l'hanno messa veramente tutta risolvendo ben 11 quesiti su 15, ma non è bastato.

Anche io ce l'ho messa tutta nella preparazione e negli allenamenti, e mi dispiace veramente per loro che sono stati bravissimi. Un grazie anche alle riserve che non hanno mai mollato e sono parte integrante di questa squadra.

L'anno prossimo ci riproviamo!